Fare un picnic in montagna, tra prati fioriti, il ronzio delle api, il rumore dell’acqua di un ruscello che scorre: c’è qualcosa di più bello?

In Alta Badia, culla della cultura ladina lassù tra le Dolomiti dell’Alto Adige, hanno pensato che questa fosse l’estate giusta per darci dentro con cestini e teli. Coinvolgendo 10 rifugi gourmet, da Corvara a Badia, per la preparazione di specialità a base di prodotti tipici.

Alta Badia: cucina ladina

cucina ladina alta badia
La zuppa di orzo, tipica della cucina ladina. Credit foto: Alta Badia

Corvara, Colfosco, Badia, La Val, La Villa, San Cassiano: ogni rifugio in Alta Badia è un custode della cucina ladina, semplice, genuina e molto legata ai prodotti del territorio, al ciclo delle stagioni e ai lavori dei contadini.

Per questo nei ristoranti, siano quelli di alto livello o quelli più semplici nelle baite dell’Alta Badia, il menù offre sempre i piatti tipici della cucina ladina: zuppa d’orzo, le classiche turtres (frittelle di crauti o spinaci), ravioli ripieni di spinaci, e poi i dolci fritti chiamati furtaies.

cucina ladina alta badia
Le turtres, piatto tipico della cucina ladina

Ma torniamo ai picnic.

–> La ricetta altoatesina dello strudel di mele

Picnic in Vetta

La formula si chiama Picnic in vetta: nelle baite dell’Alta Badia aderenti si può ordinare in anticipo un cestino con un menù particolare e diverso per ogni rifugio ma sempre a base di prodotti del territorio e specialità locali (i prezzi variano tra 20 e 28 euro a persona). Ci si può anche presentare direttamente lì, senza aver prenotato prima il cestino.

Il rifugio fornisce anche una coperta, sta poi a voi scegliere il prato migliore dove stenderla.

–> 5 motivi per fare una vacanza in un maso dell’Alto Adige

Alta Badia

I rifugi e il menù

Cosa c’è nel cestino? Dipende dalla baita. Ok, allora quali sono i rifugi gourmet dell’Alta Badia aderenti?

Eccoli:

Rifugi Alta Badia
  1. Rifugio Crëp de Munt a Corvara: salumi e formaggi locali, insalata di canederli con turtra (frittella tipica della zona, ripiena con spinaci e ricotta oppure crauti), strudel di mele
  2. Rifugio I Tablá a La Villa: speck, salsiccia affumicata, formaggi e pane locali, insalata d’orzo bio, yogurt naturale dell’Alto Adige con composta di mirtilli neri e mela
  3. Rifugio Pralongiá, altopiano del Pralongià tra Corvara, La Villa e San Cassiano: formaggio fresco di capra, avvolto in speck croccante, prosciutto di cervo, crauti stufati e föies da soni (frittelle di patate), yogurt di malga con frutti di bosco e croccantino
  4. Rifugio Jimmi, Passo Gardena, Colfosco: formaggio fresco con erbe di montagna, noci, pomodori sott’olio e salame nostrano, burger di cervo, pane rustico, insalata di crauti con speck croccante, mayonnaise aromatizzata al ginepro, carne di cervo nostrano, crostata alla nocciola con marmellata ai frutti di bosco
  5. Malga Saraghes a San Cassiano: speck, salami vari e salsiccia affumicata del maso Lüch da Ciampidel, misticanza con formaggio fresco nostrano, uovo sodo e speck, dolce alle noci e cioccolato con marmellata di mirtilli fatte in casa
  6. Rifugio Lée a Badia: insalata estiva con straccetti di manzo, piadina con speck e formaggio Fodom, torta di carote.
  7. Rifugio Las Vegas a San Cassiano: insalata mista con mozzarelline, mezza puccia alla milanese, torta Linzer
  8. Rifugio Franz Kostner a Corvara: antipasto misto di prodotti locali, pasta fredda Piz da Lech, dolce dell’alpinista
  9. Rifugio Boconara a Corvara: antipasto con salumi, salsiccia affumicata del maso, formaggi locali, insalata di farro, macedonia o strudel
  10. Rifugio Ütia de Bioch a La Villa: speck, salamino affumicato, cetrioli, uovo sodo, rafano mela, formaggio, zuppa d’orzo, turtres e torta Linzer

Terminato il picnic e ripulito il posto, basta riportare i cestini al rifugio (che provvederà a sanificarli prima dell’utilizzo successivo).

–> Ti Piace il Trentino Alto Adige? Qui trovi altri spunti

Author

Pensavi a Proust e invece trovi solo i dolcetti a forma di conchiglia. A questo punto puoi scegliere: ti metti a leggere la Recherche oppure un blog che adora il formaggio? Chi sono io? Oriana, giornalista milanese di turismo, food ed eventi

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: