fbpx

Siete anche voi tra quelli che subiscono il fascino dei caffè letterari, quelli dove si radunavano tra volte di fumo scrittori, poeti, pittori e artisti?

Quelli dove il tintinnare dei bicchieri di assenzio o di rum faceva da sottofondo alla nascita di manoscritti e dipinti, oggi considerati capolavori e all’epoca solo il frutto di giovani bohèmien squattrinati?

Perbacco se mi sarebbe piaciuto bere un bicchiere con Rimbaud o una birra con Tolkien o Dickens!

Si può fare? In un certo senso. Diciamo che si può bere nei luoghi dove anche loro scrivevano (e scolavano).

Ho chiesto alla collega Mariangela Traficante, autrice di Luoghi e libri. Spunti letterari per viaggiare in Italia e in Europa, di scrivere una guida ragionata ed esaustiva dei caffè letterari più noti in Italia e in Europa.

E il risultato è un piccolo capolavoro!

–> Psst, qui trovi 10 ristoranti a tema letterario nel mondo

Al caffè con lo scrittore

caffè letterari in Italia e in Europa

di Mariangela Traficante

Se pensate ai vostri scrittori preferiti, come li immaginate? Chini sulla macchina da scrivere (se amate i grandi classici) o a picchiettare sui tasti di un pc (se preferite i contemporanei) nel silenzio dei loro studi? Certo, ma sappiate che spesso e volentieri molte delle storie che amiamo sono nate (anche) al tavolino di un caffè o al bancone di un pub.

E qui non si parla solo di lui, dell’immenso Ernest (Hemingway) che, ovunque andasse, fosse nel pieno dei ruggenti anni parigini o nella calura tropicale di Cuba, non si perdeva un bar (e se dovessimo contare tutti i locali che lo videro affezionato avventore e gli devono un pizzico di fama, scriveremmo forse una guida dedicata solo a lui..).

Se state progettando un viaggio letterario in giro per l’Italia o l’Europa, oltre alle biblioteche storiche e alle librerie più belle segnatevi sulla mappa anche qualcuno di questi indirizzi, perché hanno affascinato tanti artisti e scrittori nel corso del tempo!

–> Psst, qui trovi le caffetterie più belle secondo il Telegraph

Caffè letterari
La Bodeguita del Medio a Cuba

Caffè con vista a Trieste

Se diciamo caffè letterario, qual è la città che vi viene in mente? Trieste è senza dubbio tra le prime! Poche altre possono vantare lo spettacolo di una piazza (Unità d’Italia) che si apre su mare e montagna.

Per godervi la vista fate una sosta al Caffè degli Specchi (piazza Unità d’Italia 7). E poi partite alla ricerca degli spiriti di James Joyce, Italo Svevo e Umberto Saba.

caffè letterari Trieste
Il Caffè degli Specchi a Trieste

Forse li troverete al Tommaseo (piazza Nicolò Tommaseo 4c), uno dei locali che frequentavano oltre che la più antica caffetteria di Trieste ancora in funzione. O all’Antico Caffè San Marco (via Cesare Battisti 18), che vi accoglierà tra grandi specchi, arredi Liberty, lampadari d’ottone e anche una libreria.

Un gelato con Nietzsche a Torino

Non da meno è Torino: al caffè Fiorio (via Po 8) è un tripudio di dettagli Liberty, specchi e marmi ma soprattutto, entrando, potrete immaginarvi Friedrich Nietzsche intento a gustare un gelato (che pare amasse), oppure Tomasi di Lampedusa alle prese con il suo romanzo La Sirena.

Credit foto: Caffè Fiorio Torino

Ma facciamo un balzo in tempi ben più recenti:  pare che Giuseppe Culicchia abbia scritto proprio qui il suo Tutti giù per terra (e sono state girate anche scene del film tratto dal romanzo).

Venezia, al tavolo del Florian

caffè letterari Venezia Florian
Credit foto: Caffè Florian

Il Caffè Florian a Venezia (piazza San Marco, 57): si dice che sia il più antico d’Italia. Di sicuro varcando la sua soglia viaggerete indietro nel tempo, fino al 1720, anno della sua fondazione, e poi attraverso l’Ottocento e il secolo scorso, immaginando di incontrare seduti ai tavolini personaggi come Casanova, Lord Byron o Gabriele D’Annunzio.

Da Sissi a D’Annunzio, tutti al Gambrinus

caffè letterari Italia Gambrinus Napoli
Foto credit: Gran Caffè Gambrinus

Sapete che all’imperatrice Sissi piaceva il gelato alla violetta? Lo gustava qui, nel più celebre dei caffè partenopei, il Gran Caffè Gambrinus (via Chiaia 1-2). Dove Gabriele D’Annunzio scrisse una canzone napoletana – ’A vucchella – ed entrando si potevano incontrare Oscar Wilde o Filippo Tommaso Marinetti. Per lasciarsi ispirare gustando sfogliatella e caffè.

Dickens, pinta e calamaio a Londra

Caffè letterari Londra Lamb and Flag
Il Lamb&Flag, storico pub a Covent Garden

Carta, calamaio e una pinta: la letteratura a Londra non poteva non nascere (anche) al pub! 

Il Lamb & Flag (33 Rose Street) a Covent Garden risale al 1772 e un tempo aveva fama di luogo “agitato”: all’inizio del XIX secolo infatti si svolgevano qui i combattimenti a mani nude, tanto che veniva soprannominato the bucket of blood (il secchio di sangue). Truce ma ottimo materiale per una storia non credete? Chissà se ispirò anche Charles Dickens, che qui era di casa.

Oxford: Il Signore degli Anelli al pub

Caffè letterari The Eagle and Child Oxford
L’ingresso del pub The Eagle and Child a Oxford

Al romanzo vittoriano preferite le atmosfere fantasy? Allora niente di meglio che fare rotta su Oxford e varcare la soglia di The Eagle and Child (49 St Giles): sapete chi si incontrava in questo pub? 

C. S. Lewis e J. R. R. Tolkien. Qui, l’autore de Le cronache di Narnia e quello de Il Signore degli Anelli discorrevano con i colleghi scrittori e accademici in un circolo letterario chiamato The Inklings.

–> Psst, sai che a Houston dal 1972 c’è The Hobbit Cafè, uno dei primi locali vegetariani degli Stati Uniti?

Lisbon story alla Brasileira

Caffè letterari A Brasileira Lisbona
A Brasileira nel 1911: non per niente è uno dei più antichi caffè di Lisbona

Alzi la mano chi, a Lisbona, non si è scattato una foto davanti al Caffè A Brasileira (rua Garrett 120-122). Per molti avviene qui il primo incontro con Fernando Pessoa, in quello che era uno dei luoghi frequentati dal poeta per scrivere e vedere gli amici. E la statua di bronzo ce lo fa immaginare proprio lì, seduto a uno dei tavolini.

Stoccolma, rifugiarsi al caldo nel bar di Millennium

Il freddo di Stoccolma vi fa paura? Concedervi una pausa ritemprante all’insegna della tradizione svedese detta fika, ovvero: socializzare davanti a una tazza di  caffè. Lo faceva anche Stieg Larsson, e allora perché non imitarlo nel suo quartier generale?

Il Mellqvists Kaffebar (Hornsgatan 78) oggi conosciuto solo come Kaffebar, dove era solito venire anche Mikael Blomkvist nei romanzi di Millennium.

Ah Parigi!

Ah i caffè parigini! Romanzieri, surrealisti, pittori cubisti e poeti maledetti: dai loro tavolini sono passati tutti. Al Café de Flore (172 Boulevard Saint-Germain) erano soliti fermarsi Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir.

A La Closerie des Lilas (171 Boulevard du Montparnasse) invece Emile Zola portò l’amico Paul Cézanne e tra gli habitué non mancavano Hemingway, Fitzgerald e Miller.

Caffè letterari Parigi
La Closerie des Lilas a Parigi

Se siete seguaci dei poeti come Verlaine, Rimbaud, Mallarmé fate rotta sul Café Les Deux Magots (6 Place Saint-Germain-des-Prés).

caffè letterari parigi
Les Deux Magots a Parigi

E per chiudere? Un Martini Dry al Ritz, in onore di Ernest Hemingway che qui ne scolò parecchi (narra la leggenda addirittura 51 in una sola sera). Tanto che oggi il bar del lussuoso hotel porta il suo nome.

–> Voglia di partire? Qui trovi un po’ di idee

Booking.com
Author

Pensavi a Proust e invece trovi solo i dolcetti a forma di conchiglia. A questo punto puoi scegliere: ti metti a leggere la Recherche oppure un blog che adora il formaggio? Chi sono io? Oriana, giornalista milanese di turismo, food ed eventi

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: