A Napoli c’è il caffè sospeso, a Milano abbiamo il panettone sospeso, per il quinto anno consecutivo.

Perché il Natale è più bello davanti al lievitato a base di uvetta e canditi e mi piace ancor di più sapere che è il dono di una città dove la solidarietà non passa mai di moda.

Come funziona

Dal 24 novembre al 20 dicembre 2023, in 16 pasticcerie di Milano aderenti all’iniziativa (per totale di 29 punti vendita), visivamente riconoscibili da un’apposita vetrofania, si può lasciare un panettone in sospeso per chi non può permetterselo.

L’iniziativa, giunta alla quinta edizione, è patrocinata dal Comune di Milano e organizzata dall’Associazione Panettone Sospeso, onlus che raggruppa una serie di pasticcerie meneghine che si prendono a cuore il fatto di recapitare il panettone entro Natale alle famiglie che fanno più fatica. Non dopo il 25 dicembre, non sono avanzi ma un dono fatto con il cuore.

Dal 2019, anno di lancio dell’iniziativa, sono stati raccolti 7mila panettoni, distribuiti ogni Vigilia di Natale a enti e associazioni che operano sul territorio.

–>Dagli Oh Bej Oh Bej a Piazza Duomo: i mercatini di Natale a Milano <–

A chi vanno i panettoni sospesi

Panettone_Sospeso_milano
foto: Enrico Ummarino

Tutti i panettoni sospesi (raddoppiati dalle pasticcerie, che per ogni panettone lasciato dai clienti ne aggiungeranno un altro) verranno consegnati a:

  • Casa Jannacci, la Casa dell’Accoglienza del Comune di Milano (viale Ortles) che accoglie in via temporanea adulti in difficoltà;
  • I Custodi Sociali del Comune di Milano, attivi in tutti i nove municipi;
  • le reti QuBì che lavorano per contrastare la povertà infantile a Milano;
  • le realtà del terzo settore che collaborano con il Comune di Milano per dare assistenza alle persone che vivono in strada, tra cui i City Angels.

Si può anche fare una donazione direttamente sul sito: i soldi verranno poi trasformati in panettoni.

Non solo: da quest’anno anche aziende e professionisti possono aderire, sapendo che ogni panettone regalato a clienti, collaboratori e dipendenti ne genera un altro dato in beneficenza.

Le pasticcerie del panettone sospeso

Panettone-sospeso-milano-martesana

Se l’idea vi piace e volete acquistare un panettone da lasciare in sospeso, potete farlo in 16 pasticcerie di Milano, dislocate in 29 punti vendita:

  • Alvin’s (via Melchiorre Gioia 141)
  • Baunilla (piazza Alvar Aalto, corso Garibaldi 55, via Broletto 55, corso Italia 11)
  • Cake l’Hub – I Dolci del Paradiso (via Luigi Mengoni 3)
  • DaMa (via Pinturicchio 9)
  • Davide Longoni (Mercato Centrale Milano, via Gerolamo Tiraboschi 19, Via Fratelli Bronzetti 2, via Tertulliano 68, Mercato del Suffragio in piazza Santa Maria del Suffragio, Contrada Govinda via Valpetrosa 6) 
  • Iginio Massari Alta Pasticceria (piazza Armando Diaz 4)
  • Gelsomina (via Carlo Tenca 5 e via Fiamma 2)
  • Giacomo Pasticceria (via Pasquale Sottocorno 5)
  • Marlà (corso Lodi 15)
  • Martesana (via Cagliero 14 e via Sarpi 62)
  • Massimo 1970, (via Giuseppe Ripamonti 5)
  • Polenghi Angelo (via Alfonso Lamarmora 31)
  • San Gregorio (via San Gregorio 1)
  • Sant’Ambroeus (corso Giacomo Matteotti 7)
  • Taveggia Gamberini (via Uberto Visconti di Modrone 2)
  • Vergani (via Mercadante 17 e corso di Porta Romana 51)

–> Psst, qui trovi la guida per comprare il panettone artigianale a Milano

Author

Pensavi a Proust e invece trovi solo i dolcetti a forma di conchiglia. A questo punto puoi scegliere: ti metti a leggere la Recherche oppure un blog che adora il formaggio? Chi sono io? Oriana, giornalista milanese di turismo, food ed eventi

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: