Sei in spiaggia, hai appena fatto il bagno e ti stendi sul lettino per asciugarti: c’è il sole, fa caldo, sei comodo e rilassato, insomma stai benissimo. Manca solo una cosa per rendere perfetto il momento: qualcosa di fresco da bere. O da mangiare.

Ma di andare fino al bar sulla sabbia bollente non ne hai la minima voglia. Come uscire dall’empasse?

O sei in Grecia, dove l’evidente superiorità filosofica fa sì che in moltissime spiagge paghi il noleggio dell’ombrellone semplicemente ordinando da bere (e te lo portano loro!). Oppure scarichi Sandrink sul tuo smartphone.

Un’app (gratis) ci salverà

Di app utilissime ultimamente ne stanno sfornando parecchi (un esempio? Too Good To Go, provala!)

Anche Sandrink si propone di semplificarci la vita rendendola un po’ più comoda. In che modo? Semplice, è una nuova app gratuita di delivery on the beach: ovvero, ordini da bere dai locali vicini a dove ti trovi e te lo portano direttamente sotto l’ombrellone. Anche se sei in una spiaggia libera.

Sandrink app
Photo by Nick Karvounis on Unsplash

Come funziona

Una volta scaricata (è disponibile sia per Android che iOS) si può accedere al menù degli stabilimenti balneari geolocalizzandoti e ordinare bibite, panini, snack, gelati ma anche libri e giochi, insomma tutto quello che viene messo a disposizione dagli stessi stabilimenti.

Fai l’ordine, inserisci il numero del tuo ombrellone (oppure mandi la tua posizione geolocalizzandoti se sei su una spiaggia libera) e aspetta che qualcuno arrivi a portarti quel che hai chiesto.

I vantaggi

sandrink app

Niente corse sulla sabbia rovente, si può pagare con carta di credito oppure in contati alla consegna, si evitano le code.

E non è tutto. Sandrink incoraggia i partner con cui lavora a utilizzare bicchieri e contenitori privi di plastica e fare un’accurata raccolta differenziata dei rifiuti.

Insomma niente male, no?

–> Pst, 15 da assaggiare se fai le vacanze nel Mediterraneo

Author

Pensavi a Proust e invece trovi solo i dolcetti a forma di conchiglia. A questo punto puoi scegliere: ti metti a leggere la Recherche oppure un blog che adora il formaggio? Chi sono io? Oriana, giornalista milanese di turismo, food ed eventi

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: