Ore 7 – Suona la sveglia. Ehi fuori c’è il sole, che bello!

Ore 7.01 – Si sveglia Miro (un anno e tre mesi), con un urlo che annuncia il suo essere immediatamente operativo

Ore 7.02 – Il più vicino tra e me e Simone scatta verso la cucina con la stessa flemma di Holly verso la porta di Benji, arraffa il biberon di latte e lo infila subito nel microonde per scaldarlo.

L’altro va a recuperare il pupo, che appena sveglio non guarda in faccia nessuno, non sorride e ha la stessa espressione di Mattarella durante le ultime consultazioni post elezioni: vuole tracannarsi il suo biberon di latte in un unico sorso senza rotture di balle. Moine, carezze, sorrisini: se ne parla dopo.

Ore 7.03 – Mentre Miro sbevazza con la stessa serietà di Umberto Eco, Simone prepara la moka e io armeggio con pane tostato, brioche, biscotti o quel che la dispensa offre

Ore 7.04 – Miro termina il biberon e mi rivolge il suo celebre sguardo ammiccante: sorriso smagliante (a 15 mesi ha più o meno 86 denti) che significa “Esci una brioche e dammela insieme a un bacio, bellezza

Ore 7.15 – Si avvicina il momento di svegliare Irene (4 anni). Mi preparo scolando un bicchiere di acqua e magnesio per convincermi che così divento imbattibile

Ore 7.20 Inizio della procedura per svegliare Irene, che si finge morta nel lettino e non reagisce a nessuno stimolo.

Ore 7.25 –  “Airin [avendo i capelli rossi che fanno molto irish, la chiamiamo così da quando è nata] amore, buongiorno, svegliati tesorina

Ore 7.30 – “Airiiinnn, svegliaaa”

Ore 7.35 – “Mamma chiama Airin, mamma chiama Airin, stabilire il contatto”

Ore 7.45 – Attivazione della procedura di emergenza. Butto Miro – e i due chili di briciole che nel frattempo ha accumulato – nel lettino di Irene

Ore 7.46 – Miro parte all’arrembaggio con la sua solita modalità da ariete: testa bassa e chiappe alte

Ore 7.50 – Irene finalmente accetta di alzarsi, non fosse altro che per togliersi le chiappe del fratello dalla faccia

Ore 8 – “Arin tesoro vuoi una tazza di latte?”

Ore 8.01 – Sguardo torvo e malmostoso della quattrenne. Io penso: “Che cacchio fai ancora domande, mettile davanti la tazza di latte e amen

Ore 8.01 e 50 secondi – Simone va in ufficio. Sono da sola sul campo di battaglia

Ore 8.02 – Allungo una brioche, i cereali, i biscotti e apparecchio una colazione per una squadra di calcio sperando di azzeccare quello che la ricciolina gradisce mangiare

Ore 8.03 – Le passo la cannuccia sbagliata. Lei si butta per terra

Ore 8.04 – Azzecco il colore della cannuccia. Airin mi guarda e l’espressione di Voldemort sulla sua faccia lascia il posto a quella di Pollon

Ore 8.05 – Io penso “Beh, non va poi così male

Ore 8.06 – Miro fa la cacca del secolo, che straborda dal pannolino e crea un sentiero come quello di Pollicino nel bosco. Ma non è fatto di briciole

Ore 8.07 – Afferro Miro, che si ribella perché stava giocando con un dinosauro, e cerco di metterlo sul fasciatoio: è come lottare con un cobra

Ore 8.08 – Mentre lavo le chiappe inguardabili di Miro, Irene si siede sul water e mi dice “Mamma, ho fatto cacca e pipì: mi pulisci?

Ore 8.08 e 30 secondi – C’è cacca ovunque

Ore 8.09 – Con una mossa da dea Shiva, tolgo il pannolino fetente di Miro dal fasciatoio, ci appoggio sopra l’infante urlante e gli infilo al volo un pannolino pulito. Intanto con Airin intono una canzone per tenerla seduta sul water

Ore 8.10 – Appoggio Miro per terra, apro l’acqua del bidé, pulisco Irene e cerco di appoggiarla direttamente al suddetto bidé mentre Miro avanza verso il getto dell’acqua come un toro verso un drappo rosso

Ore 8.11 – Lavo le chiappe di Irene coadiuvata da Miro

Ore 8.13 – Operazione bidé fatta. Inizio della procedura per convincere Irene a lavarsi i denti

Ore 8.14 – Irene si arrampica sul bordo della vasca per prendere il suo spazzolino e il dentifricio, che NOI NON POSSIAMO ASSOLUTAMENTE PASSARLE. Mentre mette due chili di dentifricio ai frutti di bosco sullo spazzolino, passo a Miro il suo a bordo bidé

Ore 8.17 – Ne approfitto per lavarmi anch’io i denti. E mi distraggo

Ore 8.17 e 10 secondo – Miro ha infilato lo spazzolino nello scarico del bidè. Per la seconda volta in una settimana (scemi noi che non lo tappiamo)

Ore 8.18 – Prendo la pinza lunga che avevamo comprato appositamente tre anni fa (cioè quando Irene faceva esattamente la stessa cosa) e recupero lo spazzolino

Ore 8.19 – Irene guarda Miro indecisa se compatirlo o considerarlo un genio

Ore 8.20 – Inizio della procedura di vestizione dei due

Ore 8.21 – Agguanto Miro e mentre leggiamo il libro degli animali gli infilo maglietta e braghette. Poi lo appoggio per correre dietro a sua sorella, che nel frattempo è in mutande davanti al finestrone del soggiorno che saluta i passanti. Lui ovviamente scoppia a piangere

Ore 8.23 – Afferro Irene recalcitrante e la convinco a venire in camera: fiera di aver letto mille libri sulla pedagogia montessoriana, le propongo la scelta tra due magliette

Ore 8.24 – Lei le snobba entrambe e apre il cassetto pretendendo di vederle tutte

Ore 8.25 – Gliene mostro una terza ma lei vorrebbe andare all’asilo così:

Ore 8.30 – Finalmente troviamo un compromesso sul vestiario: lei accetta di mettersi maglietta e pantaloncini al posto del vestito di Elsa di Frozen e io le dico che può tenersi la corona in testa

Ore 8.31 – Li piazzo entrambi in camera a giocare e mi lavo con la stessa velocità di Flash Gordon: chiaramente la privacy è un concetto non pervenuto, quindi me li ritrovo entrambi in bagno

Ore 8.35 – Do a Irene i miei pennelli da trucco (con cui lei inizia a spolverare tutta casa) e a Miro lo spazzolino elettrico di sua sorella, che lo fa impazzire e soprattutto non passa per lo scarico del bidè

Ore 8.45 – Infilo le scarpe, dico a Irene di mettersi le sue e agguanto Miro per l’operazione sandali: lui sull’onda dell’entusiasmo apre le dita dei piedi a ventaglio rendendo impossibile infilarli in qualsivoglia calzatura

Ore 8.47 – Riesco ad avere la meglio sulle calzature di famiglia, agguanto la sacca del cambio del nido, i pannolini, le bavaglie e infilo tutto in borsa. Irene intanto sfreccia col monopattino per casa

Ore 8.50 – Siamo tutti pronti ma Irene decide che vuole portare un libro a scuola

Ore 8.51 – Airin hai scelto il libro?

Ore 8.52 – Airiiiin???

Ore 8.53 – Lei ciondola davanti allo scaffale, Miro si aggrappa ai miei piedi perché vuole venire in braccio

Ore 8.54 – Io mi trasformo in Sailor Jupiter , li fulmino entrambi con lo sguardo e finalmente riusciamo a uscire di casa

Ore 8.55 – Siamo in strada. Miro sul passeggino, Irene sul monopattino, io sovraccarica di borse. Ma siamo fuori

Ore 8.56 – Miro urla ‘Bau!’ a ogni cane che incrociamo

Ore 9 – Arrivo al nido di Miro, parcheggio del passeggino, cambio calzature dell’infante e consegna alle maestre. Irene viene accolta come una star dai lattanti e distribuisce abbracci e carezze manco fosse Beyoncè

Ore 9.05 – Irene si accerta che Miro abbia a sua disposizione almeno la metà dei giochi presenti in classe: quindi salutiamo, usciamo e sfrecciamo verso la scuola materna (anzi dell’Infanzia, altrimenti mi sgrida)

Ore 9.10 – Lungo la strada incontriamo vari compagni di classe in monopattino e creiamo un corteo con un inquinamento acustico da stadio durante la finale di Champions

Ore 9.13 – Arrivo a scuola: si apre il problema parcheggio del monopattino. Ognuno vuole metterlo vicino a quello degli altri ma non essendoci posti liberi c’è chi si impala davanti all’ingresso, chi scoppia in lacrime e chi urla

Ore 9.15 – Riusciamo finalmente a varcare la soglia: lungo il corridoio Irene viene salutata e saluta duemila persone, nonne incluse

Ore 9.18 – Consegna della pupetta in classe, saluti di rito e via

Ore 9.20 – Sono fuori, sono sola, sono salva

Ps. È davvero sempre così? Certo che no! Alcune mattine scivolano via lisce lisce, altre si inceppano in alcuni momenti e poi si distendono subito dopo, altre ancora invece sono difficili. Ma in fondo in fondo è sempre divertente. O quasi…

Author

Pensavi a Proust e invece trovi solo i dolcetti a forma di conchiglia. A questo punto puoi scegliere: ti metti a leggere la Recherche oppure un blog che adora il formaggio? Chi sono io? Oriana, giornalista milanese di turismo, food ed eventi

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: