Non saprei dire quando è scattata la molla per cui prima una birra era solo una birra e adesso invece è un prodotto del quale ardo intensamente dalla voglia di sapere come e dove viene prodotto e possibilmente da chi.

Lo stesso si può dire del vino, o della pasta, o dei biscotti.

Insomma ci stiamo tutti appassionando di archeologia industriale, vogliamo andare a visitare gli stabilimenti produttivi con la stessa scrupolosa attenzione che anni fa dedicavamo agli absidi delle chiese (e io sono cresciuta con le guide del Touring, pagine e pagine di descrizioni di rosoni e absidi!).

E così, munita di molta curiosità e parecchia sete, sono partita alla volta del Birrificio Angelo Poretti di Induno Olona, oggi i proprietà della Carlsberg (la stessa che produce anche la Tuborg).

–> I birrifici artigianali di Merano e dintorni

I Love archeologia industriale

Birrificio Poretti Induno Olona visita
Lo stabilimento del Birrificio Poretti di Induno Olona

Avevo già provato l’esperienza – uscendone entusiasta seppure un po’ alticcia – con il Museo delle Distillerie Branca a Milano, scoprendo un tesoro di meraviglie e antiche botti sotto viale Jenner.

E poi ancora con la visita alla Tonnara Florio di Favignana, che da sola vale il viaggio in Sicilia.

E anche nel caso del Birrificio Poretti l’impressione è stata di benefico sgomento: com’è possibile che questa meraviglia liberty non sia tra le attrazioni top della Lombardia? Che non abbiano ancora fatto un film su Angelo Poretti e la sua storia d’amore?

Visita al birrificio Poretti

Birrificio Poretti Induno Olona visita
Gli esterni in stile liberty del Birrificio Poretti di Induno Olona

Il Birrificio Angelo Poretti organizza visite guidate a pagamento (8 euro) tutti i weekend: tenete però d’occhio il sito perché una volta a stagione (l’ultima è stata il 17 marzo) apre le porte gratuitamente per un’intera giornata. Ovviamente i posti vanno vi con la stessa velocità del concerto dei Coldplay a San Siro…

La visita al birrificio inizia dalla struttura esterna in stile liberty, bellissima e circondata dal verde: si passa quindi alla sala cottura, arredata come la sala d’attesa dell’Orient Express, quindi Villa Magnani, dimora di Angelo Magnani, nipote del fondatore.

Birrificio Poretti Induno Olona visita
Sala Cottura del Birrificio Poretti di Induno Olona

Una storia di birra e d’amore

Ma la parte più bella, o almeno quella che io ho preferito, è la storia di com’è nato il Birrificio Poretti.

Angelo Poretti è nato nel 1829 da una famiglia contadina: giovanissimo parte verso la Repubblica Ceca per lavorare nella ferrovia. E qui si innamora di Franziska, che diventerà sua moglie, e della birra, che diventerà la sua vita.

Birrificio Poretti Induno Olona visita
Villa Magnani, all’interno del Birrificio Poretti di Induno Olona

Infatti carica armi, bagagli, moglie e un mastro birrario ceco sul treno e torna a casa.

Nel 1877 apre il suo birrificio in Valganna, a Induno Olona, proprio accanto alla Fonte degli Ammalati, che all’epoca era famosa in tutto il Nord Italia per le proprietà delle sue acque.

E una buona acqua è il requisito fondamentale per fare un buona birra.

E poi è una zona carsica, quindi perfetta per fornire le grotte dove conservare la birra.

Birrificio Poretti Induno Olona visita
Lo stile liberty del Birrificio Poretti di Induno Olona

Poretti intanto fa arrivare da Vienna botti, macchinari e operai specializzati: il 26 dicembre 1877 produce la sua prima birra e da allora la produzione non si è mai più fermata.

Nel 1881 viene chiamato a partecipare all’Esposizione Universale di Milano ma in soli tre giorni..finisce tutta la birra! È il boom: il birrificio inizia a produrre in grandi quantità e nel 1900 assume il suo aspetto definitivo, quello visitabile oggi.

Angelo Poretti muore nel 1901 senza figli: lascia l’attività ai quattro nipoti, che incredibilmente non litigano e portano avanti il tutto rispettando lo spirito del fondatore.

L’eredità di Poretti e l’arrivo di Carlsberg

Birrificio Poretti Induno Olona visita
Gruppi in visita al Birrificio Poretti di Induno Olona

Quarant’anni prima che Angelo Poretti aprisse l’attività dei suoi sogni, a Copenaghen veniva fondata la Carlsberg: era il 1847 e quello che sarebbe poi diventato uno dei più grandi gruppi mondiali di birra era solo un piccolo birrificio artigianale, il cui marchio derivava da Carl – il nome del figlio del fondatore – e Berg, cioè montagna.

Nel 1875 il gruppo apre i laboratori Carlsberg, dedicati a studiare come migliorare la produzione della birra: è a loro che si deve la scoperta della cellula di lievito di birra,  che permette di produrre birra a livello industriale.

Un secolo dopo, nel 1970, Carlsberg compra Tuborg e avvia una partnership con il marchio Poretti, che acquista definitivamente nel 2002. 

E cosa fa la Carlsberg appena sbarca a Induno Olona? Elegge lo stabilimento a centro di ricerca per tutto il gruppo e lo fa diventare un’avanguardia a livello tecnologico introducendo un nuovo sistema di spillatura dei fusti senza utilizzo di CO2.

Birrificio Poretti Induno Olona visita

Insomma il birrificio è bello da vedere, tecnologicamente all’avanguardia, immerso nel verde, ha uno spaccio dove fare acquisti al termine della visita e produce ottima birra: vi ho almeno messo sete?

Prosit!

Birrificio Poretti Induno Olona visita
Il parco del Birrificio Poretti di Induno Olona

Un’ultima cosa: potreste forse avere il dubbio che questo sia un post sponsorizzato dalla Poretti. Beh, no, il mio conto in banca dopo la pubblicazione è esattamente com’era prima: povero e asciutto.

–> Ti piace la birra? Qui trovi parecchie notizie per amanti del luppolo

Birrificio Poretti Induno Olona visita
Birra Poretti



Booking.com

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: