Ho sempre sognato di iniziare un post scrivendo:

Mi avete chiesto in tante la ricetta delle polpette di verza e patate: beh care amiche, eccola qui!

Scherzo, di notte sogno altro.

Però in effetti ho postato una foto su Instagram che ha riscosso un certo successo e mi ha fatto pensare che là fuori siamo in tante ad amare le verze.

E soprattutto ad avere urgentemente bisogno di idee nuove per cucinarle e sottoporle in modo originale e creativo ai pargoli: ingannandoli, per esempio (si scherza, eh, cara Montessori!).

In realtà potete facilmente farle insieme ai bambini (contenta, Montessori?): la mia si diverte un sacco a impallinare una serie infinita di palline multiformi dove non ce n’è una uguale all’altra.

L’importante è svuotare la dispensa. E avere fame.

Il bello delle polpette

Il bello delle polpette sono i millemila modi di cucinarle: potete farle in versione vegan, fritte, al forno. Potete persino trasformarle in crocchette.

Io di solito le uso come ricetta svuotafrigo: in questo caso ho messo del provolone stagionato ma potete usare quel che avete sottomano (grana, parmigiano, provola, fontina…).

Polpette di verza e patate
Forse è la prima volta che mi vengono polpette di dimensioni non dico uguali ma almeno simili…

Ingredienti

  • Verza
  • patate
  • formaggio stagionato
  • 1 uovo
  • pan grattato

Procedimento

Non indico le quantità di verza e patate perchè non le so: avevo una verza intera non molto grande e ho usato due patate medie (risultato: 25 polpette), ma voi potete regolarvi con quel che avete sottomano.

Il primo step è la cottura della verza: stagliatela a listarelle, fatela saltare con olio, aglio e una carota tagliata a pezzettini molto piccoli. Aggiungete un po’ di acqua e sale, cuocete coperto per almeno 30 minuti.

Intanto cuocete le patate: io ho usato il microonde per cuocerle a vapore ma sentitevi liberi di creare.

Fate raffreddare tutto e poi passate all’assemblaggio.

Io usato un mixer dove ho tritato: verze, patate, pan grattato. Quindi ho aggiunto un uovo e il formaggio grattugiato. 

Ho formato le palline, le ho passate nella farina e poi ho risolto l’amletico dubbio: polpette fritte o al forno?

Vengono bene in entrambi i modi, quindi a voi la risposta.

Ok ve lo dico: io le ho fritte in padella ma solo perché in forno stavo cuocendo una torta. Lo giuro…



Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: