Stranamente nei dintorni di via Sarpi, la Chinatown milanese per eccellenza, non ci sono molti locali dove ordinare i ramen (a parte Chateau Dufan). O meglio non c’erano fino a poco tempo fa, perché in via Lomazzo ha aperto Ramen a Mano. 

Avventura imprenditoriale dei fratelli Wu, cinesi di origine ma legnanesi di nascita e vita (sono i proprietari del ristorante Al Borgo Antico di Legnano), Ramen a Mano è il primo locale in Italia a utilizzare la farina biologica 0 italiana.

–> Ti piacciono i ramen? Leggi qui la guida su dove mangiarli a milano

Ramen fatti e tirati rigorosamente a mano

Ramen a Mano via Lomazzo Milano
La brigata di cucina. O anche i tiratori di ramen

La caratteristica principale di Ramen a Mano è il menù degli spaghetti: qui, infatti, viene proposto il Lanzhou Lamian (lamian significa ramen), nella variante originale, con la pasta tirata e impastata a mano e il brodo di manzo cotto per quattro ore con 15 diversi tipi di spezie.

Una volta seduti al vostro tavolo, la scelta sarà quindi tra spaghetti e tagliatelle più o meno sottili (io ho preso i più grossi): l’impasto viene fatto e tirato a mano prima e durante ogni servizio, usando farina biologica di tipo 0 della cooperativa agricola Girolomoni.

Potete controllare voi stessi l’assenza di qualunque macchinario sbirciando nella cucina a vista, dove possenti Mastri del Lamian sono impegnati nell’operazione (qui vicino c’è anche la trattoria Hua Cheng, storica insegna famosa per la pasta fresca fatta in casa).

–> Sei in zona Sarpi? Dai un’occhiata a ristoranti, locali e negozi

Il menù di Ramen a Mano

Ramen a Mano milano menù

Il menù è semplice: ci sono due tipi di ramen (10 euro entrambi), quelli con carne di manzo e la variante vegetariana. Per il resto si può scegliere se avere o no la salsa piccante (di loro produzione) e il coriandolo.

Ramen a mano Milano via Lomazzo
I ramen vegetariani di Ramen a Mano

Poi si deve scegliere il tipo di pasta e qui si apre un capitolo a parte.

Dimensione e spessore degli spaghetti variano a seconda del numero di tirate: io ho preso i più grossi, quelli da 5 tirate, se li preferite sottili vi consiglio quelli da 7 o 8 tirate (ma dovete essere molto veloci a mangiarli per evitare che si sfaldino).

Ci sono poi le tagliatelle e gli spaghetti speciali (2 euro di sovrapprezzo): un esempio? Spaghetti triangolari, mezzo tondo e mezzo piatto, il campione (!).

Oltre i ramen

Prima dei ramen potete ordinare qualche antipasto a base di insalate di alghe, ossobuco senza osso alla maniera di Lanzhou o uova bollite con te verde, anice, cannella e scaglie di agrumi (da 2 a 4 euro).

E in alternativa al ciotolone brodoso (ma se non lo prendete, che ci venite a fare qui?) il menù offre costine di maiale speziato, alette di pollo fritte con antica ricetta , pancetta di maiale con sesamo, aglio e altre spezie o pollo alla Xi Bei.

–>Ti piace la cucina giapponese? Dai un’occhiata alle ricette di Lili Ramen

Ramenamano – Via Lomazzo 20 – 02 36536559 – Orari: 12-14.30 e 19-22.30, martedì chiuso

Booking.com
Author

Pensavi a Proust e invece trovi solo i dolcetti a forma di conchiglia. A questo punto puoi scegliere: ti metti a leggere la Recherche oppure un blog che adora il formaggio? Chi sono io? Oriana, giornalista milanese di turismo, food ed eventi

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: