Doggy Bag al ristorante: in Francia è obbligatorio, da noi quando?

Doggy-Bag

Chi di voi ha mai chiesto la doggy bag al ristorante? Scommetto nessuno.

A me è successo solo una volta e solo perché l’amica con cui ero uscita a cena ha avuto l’ardire che a me è mancato.

Tra l’altro eravamo in un ristorante cinese e il cameriere non ha battuto ciglio: è sparito per qualche minuto tornando con una serie di contenitori di plastica contenenti tutto ciò che avevamo avanzato.

Ora il cibo cinese mangiato il giorno non è il massimo…ma non è di questo che voglio parlarvi.

La vera notizia è che in Francia il 2015 si è chiuso con una legge approvata in Parlamento contro lo spreco alimentare, che tra i vari punti obbliga tutti i ristoranti a fornire una doggy bag se il cliente ne fa richiesta.

Legge che sta per entrare in vigore, sdoganando anche tra gli snobbissimi francesi l’abitudine tutta americana di portarsi a casa gli avanzi.

Allons garçons, lotta agli sprechi!

Avete presente quella lunga serie di film dove lui e lei escono a cena e una volta fuori dal ristorante uno dei due tiene in mano un terrificante cigno di alluminio? Quella è la doggy bag, letteralmente il ‘pacchettino per il cane‘, dove si presume che il quadrupede di casa il giorno dopo si ritrovi nella ciotola quel che i padroni hanno mangiato (e pagato) la sera prima.

Tranquilli, se anche non avete cani o gatti in casa potete comunque chiedere la vostra doggy bag e con nonchalance banchettare tra voi una volta a casa.

Qual è il problema?

Ce ne sono due.

Il primo: in Italia non c’è la legge.

Il secondo: non c’è nemmeno l’abitudine. Peggio, ci si vergogna di chiedere al cameriere se è possibile incartare quel che è rimasto nel piatto.

E’ una questione culturale, anche i cugini francesi, legge o non legge, temono di fare la figura dei poveracci. 

Eppure è una questione di assoluto buon senso: pago per mangiare del cibo che qualcuno ha cucinato per me e quel che avanza me lo porto a casa piuttosto che farlo finire in pattumiera.

Non facciamo lo stesso con quel che cuciniamo noi?

E allora viva le doggy bag, non vergogniamoci a chiederle quando andiamo al ristorante: chissà che in poco tempo dilaghi un’abitudine sana, giusta e che ci fa risparmiare.

La legge francese in questione tra l’altro prevede che ogni supermercato di oltre 400 metri quadri di superficie doni i prodotti in scadenza o invenduti a enti del terzo settore.

In questo modo si dovrebbe ridurre di almeno 8 milioni le tonnellate di cibo che ogni anno finiscono nell’immondizia. Tanto, troppo.

Ehi politici italiani, possiamo copiare la legge dei francesi? Eh? Dai!

 

2 pensieri su “Doggy Bag al ristorante: in Francia è obbligatorio, da noi quando?

    • Lili Madeleine ha detto:

      Beh, il nome non mi fa impazzire (al ristorante ci vanno tutti, non solo le famiglie) però sarebbe un bel passo avanti, sperem!

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.