Domino's Pizza Milano

E alla fine arriva a Milano Domino’s Pizza: la catena americana ha scelto proprio la città della Madonnina per aprire il suo primo punto vendita in Italia. 

Lunedì 5 ottobre in via della Martinella 1 (zona Bisceglie) aprirà i battenti Domino’s Pizza Milano (orari: da lunedì a giovedì dalle 11.30 alle 23.00, da venerdì a domenica dalle 11.30 a mezzanotte).

Che nella fattispecie, ora in home page sul sito (quello generale della catena) ha questa immagine:

Domino's Pizza

Nulla di male, eh, ci mancherebbe: è solo per introdurvi il protagonista di questo post.

Che ha già creato un sito dedicato all’Italia con un’immagine più rassicurante:

Domino's pizza Italia

Vi ricordate quando abbiamo parlato dei fast food americani e dei loro prodotti più strani all’estero? Ecco, Domino’s Pizza è quello che in Malesia aveva lanciato la Sambal Pizza con peperoni, acciughe, pollo, cipolle e formaggio, oltre naturalmente all’omonima piccantissima salsa.

Quali mirabolanti sorprese riserverà a noi italiani, popolo che la pizza l’ha inventata?

Tocca andare a provare per avere una risposta.

Di certo al momento sappiamo che Domino’s Pizza Italia è guidata dal 36enne Alessandro Lazzaroni e che quello di Milano è solo il primo di una rete di punti vendita che la società americana ha intenzione di aprire nella Penisola (oh my God!), in proprietà o in franchising.

Infatti il buon Lazzaroni, prima di approdare in Domino’s, è stato direttore retail per Galbusera e, tempo addietro, manager per McDonald’s.

E ora promette: “I nostri punti di forza sono una pizza di grande qualità, con prodotti d.o.p. quali il prosciutto di Parma, il gorgonzola, il grana padano e la mozzarella di bufala campana, che acquistiamo da fornitori italiani attentamente selezionati“.

E ovviamente la rapidità di ordinazione e consegna. Perché, spiega il presidente supremo caput mundi di Domino’s Pizza, Richard Allison, “la forza del nostro modello di business sta nella sua possibilità di adattare al meglio attraverso i nostri partner locali l’offerta di prodotto, così da incontrare appieno i gusti di ogni mercato. E’ quello che avverrà anche qui in Italia, a maggior ragione visto che siamo nella patria della pizza“.

Ma chi è Domino’s Pizza?

Per riassumere, posso dirvi che l’azienda è stata fondata nel 1960 negli States da Tom Monaghan, che all’epoca investì nell’impresa ben 900 dollari.

Il successo fu tale che quando la vendette, nel 1998, ne ricavò un miliardo di dollari: chapeau!

Oggi il brand conta la cifra pazzesca di 11.900 punti vendita (il 97 per cento dei quali gestito in franchising) in più di 80 paesi: l’anno scorso ha venduto pizza per un totale di 8,9 miliardi di dollari, 4 dei quali solo negli Usa.

Il segreto del successo? La pizza a domicilio. Negli Stati Uniti Domino’s ha un’app per le ordinazioni che copre il 95 per cento degli smartphone: si può ordinare una pizza via Twitter o attraverso una multicanalità molto ampia.

Lo stesso vogliono fare in Italia: si potrà ordinare dal sito, creare la propria pizza e poi seguire l’ordine finché il ‘ragazzo della pizza’ ve la consegna a casa.

Sarà buona? Fatemi sapere, dai che apriamo il dibattito!

1 Comment

  1. Giuseppe A. D'Angelo Reply

    Orrenda notizia. Da sempre mi vanto che l’Italia è l’unico paese in cui non attecchiscono le catene americane (ad eccezione di McDonald’s e Burger King) proprio per motivi culturali. E invece pian piano, con molta lentezza certo, ma ci stanno conquistando… e non in senso positivo. Guarda caso l’attacco parte sempre da Milano, la città più vicina all’Europa e al resto del mondo, e per questo la più incline alla globalizzazione. Prima Starbucks, ora Domino, domani quale altro simbolo della nostra gastronomia vorrebbero infangare? Non me ne vogliano i giovani che vedono in questo nuove opportunità di lavoro (non sono contro le catene in se), ma spero vivamente che l’impresa fallisca clamorosamente nel nostro paese.

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: