Zomato arriva in Italia: ti sei già iscritto al nuovo social per food lovers?

ZomatoAvete già sentito parlare di Zomato? Se la risposta è sì e magari vi siete già iscritti, ci vediamo online.

Se invece non avete idea di cosa io stia scrivendo, mettetevi comodi che vi spiego tutto.

Fondata in India nel 2008 e diffusa in tutto il mondo, dalla scorsa settimana ha fatto il suo debutto anche in Italia Zomato, la piattaforma web (c’è anche l’App per iOS, Windows e Android) che fornisce informazioni dettagliate, foto e recensioni su oltre 1 milione di ristoranti in 22 paesi nel mondo.

Sono sicura che ora vi starete chiedendo: ma non c’era già Tripadvisor?

E’ la stessa cosa che mi sono chiesta anch’io. Ecco perché, per capire meglio e dissipare ogni dubbio, sono andata alla fonte e ho intervistato Debora Di Santi, community manager di Zomato.

Che, dimenticavo di dirvi, ha acquistato Cibando

Siete una start up?

Non esattamente. L’azienda è nata nel 2008 in India: il fondatore aveva l’abitudine di collezionare i menù dei ristoranti intorno al suo ufficio. Dopo averne raccolti un po’ ha pensato di metterli online e…da lì è nato Zomato. 

Profilo Esempio 1 copy

Mi spieghi esattamente cos’è Zomato?

E’ la convergenza di tutto quello che esiste nel food e nei social network: in pratica, unisce in un solo portale ciò che di solito si pubblica su diversi canali social, sincronizzando tutti i social media. E inoltre permette di scegliere cosa mangiare e dove, dando un’occhiata a prezzi e menù prima di varcare la soglia del ristorante in questione.

Ah ecco. Cioè?

Dopo essersi registrati e aver creato un account [ndr qui trovate il profilo di Lili Madeleine, seguitemi!] è possibile scrivere recensioni sui ristoranti, pubblicare foto, fare il check in nei luoghi e guadagnare medaglie, creare liste di utenti da seguire.

Quindi posso seguire il blogger famoso o il vip di turno?

Esattamente.

Immagino puntiate molto anche sui turisti?

Ovviamente sì, anche se non solo: è un servizio di ricerca ristoranti, quindi adatto anche ai cittadini o a chi ha voglia di provare nuove esperienze culinarie ma non sa dove cercarle.

Come funzionano le ricerche?

Ci sono numerosi filtri e categorie di ricerca: per esempio la fascia di prezzo o la tipologia di cucina.

E per chi non ha idee precise?

Ci sono le nostre collezioni, selezioni tematiche che aggiorniamo costantemente per tenere d’occhio le ultime novità in ambito gastronomico: non solo in base alla tipologia di cucina ma anche ‘Lume di candela’ per chi vuole qualcosa di romantico, o ristoranti con vista.

Collezioni Milano copy

Avete lanciato il sito in Italia: mi dai un po’ di numeri?

Abbiamo già mappato e inserito più di 18mila ristoranti in Italia, visitati tutti uno per uno partendo da Roma e Milano. Per l’80 per cento di questi, abbiamo inserito il menù e l’idea è quella di svilupparci integrando i locali di altre città, per esempio in Veneto.

Siete un’azienda giovane: state assumendo?

Sì certo: in Zomato l’età media è di 27 anni. Al momento il team è composto da 25 persone e l’azienda prevede oltre 200 assunzioni per l’espansione in Italia.

Una domanda scomoda: cosa avete di diverso da Tripadvisor?
Innanzitutto, noi siamo focalizzati solo sul food: potrà esserci la recensione del ristorante di un hotel ma qui ci fermiamo. Inoltre, ogni utente è identificabile attraverso l’account, un fattore che garantisce la veridicità delle recensioni. Abbiamo un team dedicato che legge tutte le recensioni e decide se pubblicarle o meno.
Inoltre, non ci fermiamo alle recensioni ma vorremmo costruire un vero e proprio dialogo intorno a questi ristoranti, esattamente come un social network.
E visto che siamo in tempo di Expo 2015Zomato ha mappato tutti i ristoranti all’interno del sito espositivo: trovate la mappa qui.
 

2 pensieri su “Zomato arriva in Italia: ti sei già iscritto al nuovo social per food lovers?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.