Ricette

La cucina di New York: ricetta dell’American Pie di Nonna Papera

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr
american pie ricetta
La classica american pie americana come la farebbe Nonna Papera

Chi di noi non ha sognato di avere per nonna una papera, con una fattoria e un davanzale dove far raffreddare torte fatte in casa?

Io, per esempio, da bambina ogni mercoledì aspettavo il momento in cui avrei avuto tra le mani il nuovo numero di Topolino, sperando che ci fosse una di quelle storie dove Zio Paperone, Paperino, Qui, Quo e Qua si ritrovano alla fattoria di Nonna Papera. Dove immancabilmente c’era qualche manicaretto ad aspettarli.

Di solito era una torta appena sfornata e messa a raffreddare sul davanzale (pericolosamente, visto che Ciccio poteva allungare le mani in qualunque momento).

La ricetta era custodita all’interno delle pagine del Manuale di Nonna Papera, il mio primo ricettario (e credo di tanti altri), da poco riproposto in formato digitale. Certi classici non muoiono mai…

Ho sempre creduto che paperopoli esistesse davvero

di Lino Vuotto 

American pie ricetta
Il making of dell’american pie

Io ho sempre creduto che Paperopoli esistesse davvero, o che si potesse riprodurre, vivente, in miniatura nella mia camera. Beh, sognavo di nuotare nel deposito e guidare la macchina di Paperino.

E sognavo una volta di riuscire a trovare anch’io sul davanzale di Nonna Papera la crostata pronta e ancora calda. Non una qualunque, quella alta, gonfia e piena di mirtilli. O di mele. Ma a me piaceva quella di mirtilli, da difendere dalle grinfie di Cip e Ciop finché non arrivavano Qui, Quo e Qua. 

Io, cresciuto a torte e crostate di ogni genere grazie a mamma Fiore che ne sfornava una dietro l’altra, sognavo quella lì. Chissà perché. E non avevo il coraggio di chiederle di farne una uguale. È che temevo che così come la mia idea che Paperopoli esistesse o potessi riprodurla, vivente, in miniatura nella mia camera facesse ridere (quanto ha riso mia moglie quando pochi anni fa l’ho confessato per la prima volta…), anche lei ridesse di me. Che sciocco pensare che una torta simile esistesse veramente. 

Il tempo passa e modifica e cancella le cosa, oppure semplicemente le ripone nel cassetto in attesa che qualcuno, dopo tanto tempo le riscopra. E così nei miei viaggi in America, a New York, non l’ho cercata. Stavo scoprendo così tante cose, anche nei dolci, fresco innamorato di Pancakes, Donuts, Muffins e Waffles. 

Quando ti cerca l’American Pie

E allora, solita sorpresa improvvisa che la vita sa regalarti, è stata lei a cercare me. Mi ha aspettato in un angolo di Pennsylvania, sperduto. Non avrei idea minima di dove si trovi quel luogo. Una sosta nel viaggio in macchina direzione Contea Amish. Quello che potrebbe essere uno dei nostri chioschi delle angurie dove ci si ferma per fare una pausa. Legna, lamiera, panche, scaffali. Non davanzali, ma scaffali. 

Ed eccola lì. Chiusa sotto e sopra e piena all’inverosimile dentro. Di mirtilli. Non marmellata, mirtilli. Neri da sporcarti per l’eternità. Miracolosamente rinchiusi dalla friabilità della pasta. 

Chissà se Nonna Papera mi stava guardando mentre mangiavo la mia fetta enorme. Cip e Ciop sicuramente sì. Sono ovunque, da quelle parti…

 BlueberryPie americana: la ricetta 

di Paola Pistone

american pie ricetta

Nonna Papera per un giorno? Indossate il tradizionale grembiule, prendetevi un po’ di tempo e via. L’American blueberrypie l’abbiamo preparata così.

Intanto abbondante pasta frolla (ogni famiglia ha la propria ricetta, quindi tirate fuori la vostra!) per realizzare un primo cerchio da 30-32 cm e un secondo da 22 circa, entrambi di 3 cm di spessore.

 

Utilizzate una teglia da 22 cm imburrata e infarinata: con il cerchio di frolla più grande create la base e il lato della torta, che sarà così pronta ad ospitare il ripieno. Prima però lasciate il tutto per almeno mezz’ora in frigo.

Il ripieno

american pie prontaNel frattempo preparate il ripieno: l’ideale sono i mirtilli freschi (mezzo chilo), da unire a un limone spremuto, scorza grattugiata, cannella, fecola (utile per addensare) e un paio di cucchiai di zucchero (mescolate il tutto e versatelo nella torta).

Se come noi siete fuori stagione, utilizzate una composta densa e con pezzi interi (sempre mezzo chilo): in questo caso, unite solo limone e cannella.

Versate il tutto nella torta, non abbiate timore di abbondare, e coprite con il secondo strato di frolla.

Fate 4 tagli nella parte superiore per fare in modo che non rischi di esplodere e lasciate riposare in frigo per un’altra mezz’ora.

Accendete il forno a 220° e lasciate cuocere per 20 minuti: quindi abbassate a 180° e proseguite la cottura per altri 30-40 minuti.

Lasciate poi raffreddare a lungo, il ripieno impiega molto tempo. Se avete a disposizione un bel davanzale è perfetto…

-> Ti interessano le notizie sulla Grande Mela? Leggi tutti i post su New York 

 



Booking.com

11 Comments

  1. Son tornata bambina con questo post e mi è venuta l’acquolina in bocca! Via, tiriamo fuori la ricetta della mia pasta frolla e mettiamoci immediatamente all’opera!

  2. Anch’io anch’io ho sempre sognato le torte di Nonna Papera!! E tutto il mondo Disney in generale…avrei voluto trasferirmi lì, anche se con la fantasia c’ero sempre…praticamente sono cresciuta a pane e Topolino! Bella ricetta e bella idea…la farò! 🙂

    • E’ incredibile quanto affetto smuova Topolino tra chi è cresciuto leggendo le sue pagine. E poi le torte rustiche sanno proprio di pomeriggi d’estate passati a giocare 🙂

  3. Che bel post, quanti ricordi. Anch’io aspettavo sempre il mercoledì per ricevere la mia copia di Topolino dalle mani di papà, e poi ce lo contendevamo per leggerlo. E ricordo bene anche il manuale di nonna papera, primo ricettario. Chissà dov’è finito, forse in garage.. Quanti ricordi, grazie.

    • Grazie a voi…credo che Nonna Papera e Paperopoli siano nei ricordi d’infanzia più dolci di tantissime persone. E poi anche da adulti il rito della merenda è sacrosanto 😉

Cosa ne pensi di questo articolo? Scrivimelo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: