Carrozzi Formaggi Valsassina

Latte e formaggi: diventa obbligatorio indicare l’origine in etichetta

Oooohhhh, prendiamoci tutti per mano e gridiamolo forte: finalmente!

Dal prossimo aprile in Italia sarà obbligatorio indicare in etichetta l’origine dei prodotti lattiero-caseari in Italia.

Questo potrebbe sembrarvi un post noioso ma non è così, soprattutto se come me amate a dismisura il formaggio (leggete qui tutte le notizie sull’argomento).

Potremmo riassumere il tutto in una domanda:

Abbiamo o non abbiamo il diritto di sapere quel che mangiamo? E quindi anche cosa stiamo comprando?

Secondo me sì, quindi applausi al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, che ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto sull’indicazione obbligatoria in etichetta dell’origine per i prodotti lattiero caseari in Italia.

Una svolta per i consumatori

Finalmente i consumatori italiani potranno sapere con chiarezza la provenienza delle materie prime di molti prodotti: latte UHT, burro, yogurt, mozzarella, formaggi e lattici. Perché un conto è il prodotto finito, un altro le materie prime utilizzate per prepararlo.

È una svolta storica, che tutela noi consumatori in primis ma privilegia anche i produttori e gli allevatori che lavorano bene e vogliono tutelare il loro essere made in Italy al 100 per cento.

Tra l’altro, l’Italia è uno dei pochi paesi in Europa a essersi dotata di uno strumento legislativo di questo tipo.

Dal prossimo 19 aprile, quindi, l’obbligo scatterà per ogni confezione di latte vaccino, ovicaprino, bufalino e di altra origine animale.

Origine in etichetta: cosa cambia

Campionato mondiale di mungitura a mano

Cosa cambia insomma?

Latte e derivati dovranno avere indicato in etichetta l’origine della materia prima in modo chiaro, visibile e facilmente leggibile.

Gli unici esclusi sono i prodotti Dop e Igp, che già devono sottostare a un rigido disciplinare che regolamenta l’origine, e il latte fresco già tracciato.

Saranno usate le seguenti diciture:

  • Paese di mungitura (nome del paese nel quale è stato munto il latte)
  • Paese di condizionamento o trasformazione (nome del paese in cui il prodotto è stato condizionato o il latte è stato trasformato in un altro prodotto)

Nel caso in cui il latte sia stato munto, confezionato e trasformato nello stesso paese, l’indicazione di origine diventa unica (es. origine del latte: Italia).

Se invece le fasi di trasformazione e condizionamento sono avvenute in più paesi diversi, allora a seconda della provenienza in etichetta verrà indicato:

  • Latte di paesi Ue (nel caso in cui la mungitura avvenga in uno o più paesi dell’Ue)
  • Latte condizionato o trasformato in paesi Ue (se le varie fasi avvengono in più paesi diversi dell’Ue)
  • Latte di paesi non Ue (se le operazioni avvengono al di fuori dell’Ue

Published by

3 thoughts on “Latte e formaggi: diventa obbligatorio indicare l’origine in etichetta

Rispondi