Dove mangiare a Scalo Milano, il nuovo shopping district a Locate Triulzi

scalo-milanoOggi ha aperto i battenti in via ufficiale Scalo Milano, il nuovo shopping district di cui nei prossimi giorni giornali e blog vi intaseranno posta e bacheche con ogni social possibile.

Quindi se permettete inizio io dandovi alcune informazioni di base, così siete preparati e potete snobbare gli altri continuando a farvi bellamente i fatti vostri.

Dunque Scalo Milano è l’ultima frontiera del centro commerciale: 60mila metri quadri con 300 negozi (in questa prima fase sono 130) aperti 7 giorni su 7, integrati in un ex spazio industriale a Locate di Triulzi (dove un tempo c’era lo stabilimento della Saiwa. Se vi state chiedendo come arrivare, qui vicino c’è la fermata del Passante S13).

La struttura è a cielo aperto e per costruirla sono stati usati materiali  ecoattivi e senza consumo di suolo. Anzi con un’area verde di 130mila – ceduta al Parco Agricolo Sud Milano – per la quale è stato studiato un progetto di valorizzazione con percorsi didattici e spazi a misura di tutti.

Il tutto strutturato in tre macro aree tematiche dedicate a fashion, food e design. E – aggiungo io – in attesa che nel 2018 apra a Milano anche Galeries Lafayette.

Detto questo, sempre di uno shopping center stiamo parlando e a qualcuno potrebbe non piacere molto l’idea: io mi astengo dal giudizio anche perché non ci ho ancora messo piede, ma posso dire che almeno ci saranno quattro spazi espositivi per l’arte contemporanea.

Ora veniamo al sodo e al domandone che tutti voi vi starete facendo: no, non quali negozi ci saranno ma che si mangia da Scalo Milano?

scalo milano: ristorantiscalo-milano-food-village

Essendo uno shopping district è tutto un dispensare di termini inglesi, quindi mi tocca parlarvi di Food Village, ovvero l’area su due livelli dedicata ai marchi alimentari, con tanto di arena centrale al piano ribassato.

La copertura della zona sarà simile a quella usata per il Decumano di Expo 2015, a ombrelli rovesciati con colonne in acciaio.

Qui ci saranno 15 tra caffè e ristoranti (con una prevedibile abbondanza di grandi catene):

  • Antica Focacceria San Francesco
  • C House CaféRestaurant
  • Doppio malto – Fabbrica di Birra
  • El Pan D’Na Volta
  • Fresco
  • La Piadineria
  • Lindt
  • Mc Donald’s
  • Nespresso
  • Panini Durini
  • Roadhouse Restaurant
  • Rossopomodoro
  • shi’s
  • Spontini Milano 1953

In arrivo ci sono anche laFeltrinelli RED, il marchio della catena editoriale che unisce una zona ristoro alla libreria e Aromatica Restaurant&Lounge Bar del Gruppo CIR per l’alta ristorazione.

SCALO MILANO: negoziscalo-milano

Dunque, abbiamo detto che a regime Scalo Milano avrà 300 negozi ma in questa prima fase le aperture sono 130.

L’elenco dei negozi presenti finora è il seguente:

Design: Alessi, B&B Italia, Bialetti, Calligaris, Cappellini, Cassina, Corsini Night Experience, Dada, Kartell, Kartell Lights, la casa dei Sogni by Caleffi (Trussardi Home, Cavalli Home Lines, Carrara, Mirabello), Liv’In, De’Longhi Store (De’Longhi, Kenwood, Braun, Ariete), LUxury Living (Fendi Casa, Trussardi Casa, Heritage Collection), Molteni&C, Natuzzi Italia, Poliform, Poltrona Frau, Scavolini, Tempur, Tisettanta, Varenna e Vitra

Fashion:

  • Sport: Adidas – Reebok, Converse (1° store monomarca in Italia), Freddy, Kappa, Napapijri, Navigare, Nike Factory Store, Refrigiwear, Salewa
  • Jeans&casual: Bomboogie, Calvin Klein, Calvin Klein Unvderwear, Ferrari Store, Gaudì, G-Star Raw, Guess, H18 Shop, Hinckley, K-way, Ixos, Levi’s, MCS, Meltin’ Pot, Pepe Jeans London, Timberland, Tommy Hilfiger, US Polo Assn.
  • Contemporary&affordable luxury (–> non ho idea di cosa significhi questa definizione): Angelico, Blutime Fashion, Gattinoni, Ixos, Karl Lagerfeld (1° store monomarca italiano), Liu Jo, Liu Jo Uomo, Liviana Conti, Patrizia Pepe, Twinset – Simona barbieri, Twinset UB (1° store monomarca italiano), Valditaro Sartoria, Verri
  • Accessori, gioielli e calzature: a. Testoni, Baldinini, Borbonese, Carlo Pazolini, Delsey paris, DoDo, Fratelli Rossetti, Melluso, Moleskine, O bag.store, Outly, Pandora, Piquadro, Superga, Swarowski, Swatch, Vans.
  • Cosmesi: Douglas, L’Erbolario, Pupa, Terme di Sirmione (1° monomarca italiano)

 

Rispondi