Dove mangiare i ramen a Milano: indirizzi, orari e opinioni

ramen milano[Aggiornamento ad agosto 2017]

In tema di cucina giapponese ancora cercate il sushi?

Ma dai! E perché?

Qui a Milano ormai è acqua passata, la nuova moda imperante è il ramen, meglio se fatto in casa. E all’occorrenza anche freddo, quando fuori fa caldo e il brodo bollente si fa fatica a mandar giù.

La domanda fondamentale quindi è: dove mangiare i ramen a Milano? Quelli giapponesi, intendo.

Per quanto mi riguarda, il ramen è una droga, una volta che lo assaggi il suo sapore ti entra in testa e non ti molla più (attenzione a non confonderlo con la soba, che è tutt’altro anche se ugualmente buona).

Se piove hai voglia di brodo bollente e ramen.

Se fa caldo hai voglia di brodo freddo e ramen.

Se la giornata è così così, hai comunque voglia di ramen.

Meglio se preceduti dai ravioli, perché tanto si ha sempre voglia di ravioli alla griglia.

Dicevamo, a Milano ormai i ramen sono ovunque: dove trovate i migliori? A me sono piaciuti tutti, quindi vi offro qualche consiglio.

E una preghiera ai ristoratori: possiamo iniziare a pensare a qualche nome diverso? Perché tra Casa Ramen, Bottega del Ramen, La Casa del Ramen e Ramen House, voi capite che la vita per noi consumatori inizia a diventare difficile.

Zazà Ramen – moscova

Zazà Ramen Milano

Che ci fa uno chef olandese in Italia? Apre un ristorante giapponese, ovvio.

Ma occorre dire che lo chef in questione, Brendan Becht, è venuto in Italia per studiare con Gualtiero Marchesi su consiglio di un altro chef conosciuto a Parigi, Carlo Cracco. E con Marchesi partecipò a un primo viaggio in Giappone – quando il Giappone non era ancora di moda – di cui ancora oggi conserva il mito.

Zazà Ramen, il cui nome è un omaggio all’Ispettore Zenigata, poliziotto goloso di ramen perennemente a caccia di Lupin, propone una cucina giapponese rigorosa nell’impostazione ma con una scelta degli ingredienti  creativa.

Zazà ramen: menù

Tutti ramen in menù sono composti da brodo (nelle varianti Shoyu – con salsa di soia -, Shio – con alga secca konbu – e Miso), pasta fresca cotta al momento e una guarnizione con verdura, carne o pesce a scelta.

In occasione dell’estate, Zazà è stato forse il primo ramen bar di Milano a lanciare i ramen freddi: so cosa state pensando, invece sono buonissimi e potete sceglierli in tre versioni diverse.

Io ho provato il Ramen Verde freddo (il colore è dovuto a una polvere finissima di alghe nell’impasto della pasta) con masago (uova di capelano) e cipollotto di Tropea, esclusiva creata da chef Becht: una goduria che vi consiglio (15 euro).

Zazà Ramen Milano ramen verde freddo

Quindi il Ramen freddo con carne, che nella versione estiva è a base di pollo, verdure, coriandolo fresco e goma (salsa di sesamo). Nel menù invernale è invece disponibile con carne di maiale, oppure con manzo, funghi e cipolla rossa caramellata.

Zazà Ramen Milano ramen di carne

Non contenta ho messo alla prova anche lo hiyashi chuka, il ramen freddo di pesce: è a base di salmone e avocado in salsa shoyu e yuzu ed è consigliatissimo anche perchè servito in un piatto dalla tonalità meravigliosa.

Nella versione calda trovate in menù il Ramen di pesce e frutti di mare con finocchio in brodo caldo e il Tako ramen con verdure in foglia asiatiche e pesto di zenzero fresco (quest’ultimo è uno dei best seller del locale).

Zazà Ramen Milano ramen di pesce

Già che ci siamo, qualche consiglio che spazia oltre i ramen: provate la Gado-Gado Zazà di verdure miste e salsa speziata agli arachidi, un’insalata che vi ruberà il cuore.

Zazà Ramen – via Solferino 28 (M2 Moscova) – 02 36799000 – Orari: 12-15 e 19-23 – www.zazaramen.it 

Ryukishin milano – S.Agostino

Ryukishin Milano ramenDi Ryukishin al mondo ne esistono diversi: a Osaka, Kyoto e Londra e prossimamente anche Roma e Valencia. Chi c’è dietro? Lo vedete qui sopra, è il primo da sinistra: chef Tatsuji Matsubara, che l’anno scorso in Expo con il suo Zen Express fece impazzire migliaia di visitatori con i suoi ramen, inclusi quelli freddi (ricordate che la scorsa estate è stata calda come solo l’inferno può essere).

Il progetto è andato così bene che lo chef ha pensato di rimanere a Milano in pianta stabile, aprendo un locale tra Sant’Ambrogio e Sant’Agostino dove la sensazione è quella di stare molto bene.

La specialità? Ovviamente i ramen, serviti ai tavoli oppure seduti al bancone del ramen bar centrale (dove si può vedere la preparazione).

Ryukishin Milano

ryukishin milano: menù

Il menù è stagionale e i ramen vengono serviti in quattro varianti (prezzi da 12 a 15 euro), inclusa la versione deluxe nel caso aveste parecchio appetito:

  • Paitan Ramen (brodo cremoso a base di verdure e pollo, cotto 6 ore)
  • Shio Ramen (brodo leggero a base di verdure, pollo, maiale e alga kombu, cotto 4 ore)
  • Miso Ramen (brodo a base di verdure, pollo e maiale, cotto 4 ore)
  • Shoyu Ramen (brodo a base di pollo, maiale e verdure, cotto 4 ore)

Io ho provato tre varianti, inclusi i ramen freddi che raccomando vivamente. Sono partita con lo Shio Ramen Freddo al sapore di mare con retrogusto di zenzero:

Ryukishin Milano ramen

Poi mi sono buttata sul Miso Ramen freddo, un piatto saporito a base di pollo e verdure con uova marinate:Ryukishin Milano ramen

Infine una chicca, il Miso Ramen vegetariano a base di alghe kombu e funghi shiitake con tempura di daikon, adatto anche ai vegani. In questo caso il brodo è caldo (ma su richiesta lo servono anche freddo) e devo dirvi che è davvero eccezionale.

Ryukishin Milano – via Ariberto 1 (M2 S. Agostino) – 02 89408866 – Orari: 12-15 e 19-23, chiuso domenica – www.ryukishin.it 

casa ramen – Isola

Casa ramen Milano

Casa Ramen è un locale molto piccolo e molto hipster nel quartiere altrettanto hipster dell’Isola. È stato forse il primo a proporre a Milano il culto del ramen e la particolarità è che ad avere avuto l’idea e a fare tutto sono due ragazzi italiani.

Per riuscire a entrare dovete mettervi l’anima in pace: non si accettano prenotazioni e i posti sono pochissimi, si mangia gomito a gomito tutti seduti intorno agli unici due tavoli, in un’atmosfera molto familiare. Bello, peccato che duri poco perché viste le dimensioni del locale e la coda perenne all’esterno, si mangia e poi via.

casa ramen: menù

I ramen sono buonissimi e variabili a seconda della stagione: li trovate in versione scodellona fumante, capaci di resuscitare i morti, veggie oppure fredda.

Questo sono quelli che ho mangiato io, i Tonkotsu, ramen affogati in un brodo denso ottenuto con ossa e tagli di carne suina, bamboo e cipollotto: sono buonissimi, soprattutto se fuori piove e fa freddo. La rotellina al centro mi ha resa felice come una bambina.

Casa ramen Milano

Casa Ramen – via Porro Lambertenghi  25 (M5 Isola) – 02 39444560 – Orari: 12.30-15 e 19.30-23.30 da martedì a sabato – www.casa-ramen.it

nozomi – C.so Indipendenza

nozomi-milano-ramen

Entrando da Nozomi vi renderete conto di trovarvi in uno dei ristoranti milanesi con la più alta concentrazione di giapponesi: il che è un buon segno. Se poi ci fate caso, molti di loro prendono i ramen: il che, oltre a darvi modo di capire come si mangiano secondo il galateo giapponese, vi offre un’ulteriore conferma del fatto che la specialità della casa sia preparata con tutti i crismi.

nozomi-milano-ramen

nozomi: menù

Il menù è vario e include quattro tipi di ramen, tutti serviti in porzioni più che abbondanti a un costo che varia tra i 12 e i 13 euro.

  • Tantanmen (13 euro), con brodo a base di pesto di sesamo denso e piccante, carne di pollo, verdure e alghe nori a richiesta
  • Shoyu Ramen (12 euro), brodo a base di soia leggero e saporito con carne di maiale, uova, spinaci e cipollotti
  • Miso Ramen (13 euro), a base di brodo di pesto di miso, servito con carne di maiale, uova, germogli di soia, mais e cipollotti
  • Miso Yasai Ramen (12 euro), uguali ai precedenti ma senza carne

Aggiungendo 2 o 3 euro potete avere anche tre gyoza (ravioli fatti in casa con ripieno di maiale e verdure), un mini shake don (mini ciotola di riso con salmone sbriciolato) o un mini chashu don (mini ciotola di riso con pancetta di maiale arrosto).

Io ho provato i Miso Yasai Ramen, ovviamente aggiungendo i gyoza che potrei mangiare all’infinito: buoni, saporiti, leggeri ma densi.

miso-yasai-ramen-nozomi-milano

Il mio compagno ha invece preferito i Tantanmen: lui ha decisamente gradito mentre per quanto mi riguarda sono un po’ troppo piccanti.

tantanmen-nozomi-milano

Nozomi – via Pietro Calvi 2 (M1 Palestro) – 02 76023197 – Orari: 12-14.30, 19-23 – Chiuso giovedì a pranzo – www.nozomi.milano.it 

la casa del ramen – solari

Casa del Ramen Milano

Piccolo e semplice ristorante aperto meno di un anno fa in via Solari: il nome potrebbe creare qualche confusione con Casa Ramen all’Isola, che con questo ristorante condivide un menù semplice incentrato sugli spaghetti in brodo. A La Casa del Ramen però c’è meno hipsterismo e qualche tavolo in più. E poi si trovano in due quartieri completamente diversi.

Dunque arredamento essenziale, cucina a vista con tanto di cuoco che tira a mano i ramen al momento dell’ordinazione e prepara i ravioli.

la casa del ramen: menù

Il menù include quattro tipi di ramen (manzo, anatra, vegetariani o pesce, tutti 8 euro), le polpette di pesce e i jiaozi, ravioli alla piastra fatti a mano (nella versione carne o vegetariani, tutti a 6 euro): di questi ultimi io ho provato quelli al maiale, saporiti e perfetti per creare dipendenza.

Assolutamente promossi i ramen (8 euro), diversi da tutti gli altri che ho mangiato: io ho preso quelli al manzo e il mio compagno quelli all’anatra. Rispetto ad altre esperienze, il brodo è più simile al nostro: si sente il sapore della carne (morbidissima) e delle verdure, meno quello del miso.

Sarà che era una giornata freddissima ma noi ce li siamo gustati fino all’ultima goccia.

La Casa del Ramen Via Solari 23 – 02 58111459 – Orari: lun 12-15, chiuso nel pomeriggio. Da mar a dom 12-15 e 19-22.30. www.lacasadelramen.it

Ramen house – viale montenero

Ramen House Milano

Su vostra indicazione, cari lettori, sono andata a provare anche Ramen House, ristorante giapponese in viale Montenero con diversi posti a sedere e un menù specializzato in ramen e dim sum (ormai la mia abbinata preferita).

Ha diversi posti a sedere e un ambiente curato e accogliente, lontano dallo spazio spartano tipico delle trattorie che servono solo ramen. Anche il menù è piuttosto variegato.

Ramen House: menù

Ramen House Milano

I ramen spaziano dai classici – vegetariano, di maiale, di maiale arrosto, di maiale piccante, con bocconcini di manzo – a proposte relativamente originali come i ramen all’anatra, di gamberi e calamari oppure saltati con manzo e verdure (costi da 8 a 11 euro).

Vastissima la scelta di dim sum: si va dai wan tan di carne al vapore al raviolo di carne brasata, dai dumpling bolliti al pane al vapore con carne e verdure, dai ravioli in brodo a quelli cantonesi o ai Sieuw Mai di pollo o maiale.

Non mancano specialità come l’anatra arrosto, il pollo gong bao piccante, il riso speziato al vapore e gli spaghetti udon. A pranzo si servono piatti unici con noodles, riso, carne e verdure.

Ramen House – Viale Montenero 62 – 02 5510442 – Orari: 12-15 e 19-23.30, chiuso lunedì

Bottega del Ramen – P.ta Genova

Bottega del ramen Milano

Se avete voglia di mangiare ramen e siete in zona Darsena o Navigli, l’ultima apertura milanese è il brand di un grandissimo gruppo multinazionale – Toridoll – di cui vi avevo anticipato tutto qui.

Finalmente sono riuscita a provarli: il locale è in via Vigevano, piccolo e con due grossi tavoli intorno a cui ciascuno può scegliere dove sedersi. Quindi è perfetto anche se siete da soli e provate un certo imbarazzo a chiedere un tavolo per uno.

Bottega del Ramen: menù

Bottega del ramen Milano

Il menù propone una serie di antipasti e soprattutto un’ampia selezione di ramen in brodo oppure estivi, senza brodo e a scelta con pasta calda o fredda (prezzi da 11 a 13 euro). Immancabile l’opzione vegetariana e quella a base di frutti di mare.

Vista la temperatura da agosto milanese, con umidità agli stessi livelli di Bangkok, noi ci siamo buttati su questi ultimi, preceduti come sempre da un piatto di gyoza.

Tempo due minuti di religioso silenzio e le nostre due ciotole di Maze Soba (ramen caldi ma senza brodo con julienne di Verdure cotte, Nitamago, Chashu e salsa agrodolce ) e Hiyashi Shoyu (ramen freddo senza brodo, salsa Shoyu, Chashu, Nitamago, Verdure fresche e grigliate).

Una menzione d’onore al caffè: buonissimo.

Bottega del Ramen – Via Vigevano 20 – 02 89410258 – Orari: lun-ven 12.30-14.30 e 19.30-23, sab 12.30-15 e 19.30-23.30, dom 12.30-15 e 19.30-23

–> LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SULLA CUCINA GIAPPONESE

–> LEGGI ANCHE DOVE MANGIARE FRANCESE A MILANO

Published by

Rispondi