Eurowings pubblicità

Come i tedeschi vedono gli italiani (e come gli italiani dovrebbero imparare a vendere se stessi)

Eurowings pubblicità

Italiani tutti pizza mafia e mandolino? Beh no, non proprio.

E non siamo noi a dirlo ma i tedeschi. 

Che gli stranieri ci apprezzino molto più di quanto noi facciamo nei confronti di noi stessi è cosa nota e arcinota.

Ma che gli integerrimi conterranei di fraulein Merkel si dimostrino così sensibili e amanti dell’Italia da conoscere addirittura le peculiarità regionali della nostra gastronomia (più o meno…in alcuni casi meno ma apprezziamo lo sforzo) e usarle per una pubblicità ha del sorprendente.

Oppure no?

In realtà no.

Fare leva sull’enogastronomia per spingere il turismo funziona sempre. E noi che siamo un paese dove ci sono più sagre che abitanti dovremmo saperlo bene.

In realtà pare lo sappiano meglio di noi i tedeschi.

Ohibò, in che senso?

Eurowings, compagnia aerea del Gruppo Lufthansa con base a Dusseldorf, ha lanciato una nuova pubblicità per spingere i suoi voli verso l’Italia.

E sapete una cosa? È davvero molto bella, anzi avremmo dovuto pensarci noi!

Si tratta infatti di un viaggio in Italia attraverso le sue specialità tipiche, che vanno ben oltre pizza e tagliatelle.

Qualche esempio?

C’è Palermo con i suoi agrumi:

Eurowings pubblicità

Ma anche Bologna con un piatto dove non ci sono tortellini:

Eurowings pubblicitàE poi Bari, associata a qualcosa che sembra cacao:

Eurowings pubblicità

C’è Milano con i suoi caffè (vabbé ci sono anche i cantuccini, ora non pretendiamo troppo).

Eurowings pubblicità

E poi Roma, dove finalmente trionfa la pasta:

Eurowings pubblicità

Anche se il resto dell’Europa per noi rimane sempre un guazzabuglio di cucine più o meno buone ma comunque mai all’altezza di quella di casa nostra (e la mappa dei pregiudizi lo dimostra), assaggiare quel di meglio hanno da offrire gli altri paesi in termini enogastronomici ci piace sempre.

Non fosse altro – appunto – che per vantarsi di quanto in Italia lo sappiamo fare meglio.

Se imparassimo anche a noi a promuoverci meglio come Paese (a livello locale già lo sappiamo fare) probabilmente ci guadagneremmo molto dal punto di vista turistico.

[Ok, mi fermo qui prima perché se proseguo c’è il forte rischio che io inizi a scrivere frasi come ‘fare sistema’, ‘fare rete’, blablabla]

 

Rispondi