Calza della befana alternativa per amici gastrofanatici

calza-della-befanaE’ di nuovo quel periodo dell’anno dove ci assilla il solito problema: cosa mettere nella calza della Befana di alternativo per stupire l’amico, la moglie, il fidanzato e tutta la massa di gastrofanatici che vi ruota intorno?

L’anno scorso avevo scritto un post su tutto quel che di culinario mi sarebbe piaciuto trovare in un’ideale calza della befana: ma erano desideri effimeri, spesso irraggiungibili, come mangiare la torta di ciliege di Twin Peaks col tenente Cooper, per esempio.

Quest’anno vorrei provare a essere più concreta, per farvi qualche indicazione che davvero possa fare la differenza: mi tengo sul dolce, in fondo sono una ragazza che apprezza le tradizioni.

calze PringlesPrima di iniziare l’elenco, ci tengo a condividere la scoperta (se orripilante o meno decidete voi) che su Etsy vendono le calze Pringles. Sì, significa che sembrano in tutto e per tutto i tubi delle patatine: potrebbe essere un’idea originale da regalare all’amica, al fidanzato, al cugino gastrofanatico? Secondo me sì.

Detto questo, cosa infilare nella calza della befana alternativa per gastrofighetti?

Cioccolato e caramelle Visibilia

C’è da perdere la testa, vi avviso subito, i dolci Visibilia sono una gioia per il palato e ancor prima per gli occhi (potete ordinarli suo loro sito con tanto di biglietto regalo).

C’è il caviale di cioccolato, per esempio:

Caviale di cioccolato

Oppure, per l’amico che ama la cucina giapponese, il sushi di cioccolato:

Sushi di cioccolatoPreferite un più classico assortimento di caramelle? Eccole:

Dolci Visibilia

Smalto per papille Luvirie

Smalto per papille Luvirie

Luviria è un’azienda romagnola che ho scoperto da poco e già amo alla follia: realizzano produzioni artigianali tipiche ma hanno un packaging che da solo vale la standing ovation.

Lo ‘Smalto per papille‘ sembra una latta di vernice ma in realtà è un vasetto di zucchero aromatizzato alla frutta. Hanno anche la ‘Pittura per papille‘, confezione simile ma stavolta si tratta di confettura.

Pittura per Papille

Pastiglie Leone

Pastiglie Leone violetta

Le Pastiglie Leone spero vivano a lungo, a dispetto della crisi economica, della globalizzazione e dei soliti motivi per cui le aziende chiudono. Loro no, perchè hanno le scatole di latta e quell’aspetto vintage che mi piace così tanto.

Tre sono i prodotti top che metterei nella calza: le pastiglie alla violetta, le gommose alla liquirizia e le gelatine ai mirtilli (ma vanno bene anche quelle alla mora).

Sul sito delle Pastiglie Leone potete anche ordinare caramelle personalizzate: anche se non le mettete nella calza, è un tocco di classe non da poco.

formaggiFormaggi

Ho ancora spazio nella mia calza? Allora lascio per un attimo il mondo dei dolci e passo a un’altra grande passione: i formaggi. 

Italiani e francesi, mi piacciono tutti: dai formaggi principe delle Orobie, da gustare da soli o con la polenta, ai caprosi provenienti dalla Francia. E poi lui, il re incontrastato: il Grana Padano, di pari passo col Parmigiano Reggiano. Mettetemi del formaggio nella calza e io sarò felice per sempre.

Corso di cucina

E se nella calza quest’anno mettessimo un’esperienza anziché dolciumi e cibarie? Regalate un corso di cucina: è pur sempre un’idea golosa e dura nel tempo molto più di un pacchetto di caramelle.

Io, per esempio, vi suggerisco un corso di cucina francese…in lingua, perché imparare a fare la tarte tatin parlando francese, beh, è tutta un’altra cosa.

Published by

Rispondi