Cornetti con pasta madre solida: la ricetta che non mollerò più

Cornetti con pasta madreDi cornetti con pasta madre è pieno il mondo: le ricette si sprecano e sono tutte molto valide. Tutto dipende dai vostri gusti e dal vostro forno.

Ecco perché ho preferito aspettare prima di postare la ricetta delle brioches con pasta madre: a differenza dei panini laugenbrot, prima di trovare quella perfetta ho fatto vari tentativi, diversi esperimenti, alcuni molto buoni, altri fallimentari (per la mia inesperienza probabilmente, più che per la ricetta in sé).

I miei primi cornetti in assoluto, quelli che mi hanno fatto capire che sì, potevo farcela, li ho fatti seguendo la ricetta de Le due coccinelle (date un’occhiata a questo bellissimo blog della natura). Quindi mi sono cimentata con quello che tuttora è il mio blog di riferimento per la pasta madre, Pan di Pane. 

Da lì ho vagabondato sul web, mescolando ricette, suggerimenti, consigli e facendo da me: il risultato è quel che probabilmente chiunque abbia un lievito madre in frigo conosce bene, la ricetta su misura per il mio forno, le mie capacità e Graziolina, la mia pasta madre solida. 

Attenzione, non aspettatevi i croissant del bar o rimarrete delusi: quelli sono sfogliati, per cui si usa una tecnica completamente diversa e con dosi di burro molto più generose. I cornetti sono invece brioches più morbide e poco zuccherate per far esaltare il gusto del ripieno.

Pronti a impastare? Prometto che in futuro aggiungo le foto di ogni passaggio.

4.0 from 1 reviews
Cornetti con pasta madre solida
 
Una ricetta semplice, adatta anche a chi è alle prime armi con la pasta madre, per rivoluzionare la colazione (ma anche la merenda)
Ingredienti
  • Per 12-14 cornetti:
  • 400 g farina o
  • 100 g di farina manitoba
  • 120 g di pasta madre rinfrescata
  • 250 g di latte tiepido
  • 120 g di zucchero di canna
  • 2 tuorli
  • 70 g di burro
  • sale
Procedimento
  1. La sera prima rinfrescate la pasta madre (io uso quella solida, con rinfreschi al 50 per cento di idratazione).
  2. La mattina dopo, sciogliete la pasta madre nel latte tiepido: quindi aggiungete a poco a poco la farina a pioggia e lo zucchero. Iniziate a impastare piano, nel frattempo aggiungete anche i tuorli, il burro morbido ma non sciolto e un pizzico di sale.
  3. Se volete, a vostro piacimento potete aggiungere in questa fase anche bacche di vaniglia o la scorza di mezzo limone grattugiata.
  4. Io impasto con la planetaria per almeno 10-15 minuti a velocità moderata, finché l’impasto è ben incordato e si stacca facilmente dalle pareti.
  5. A questo punto, lo metto in una ciotola infarinata, lo copro e lo lascio in frigo fino al giorno dopo (tenete conto che dovrebbe riposare almeno 8-10 ore, quindi regolatevi coi tempi).
  6. Il giorno dopo tolgo l’impasto dal frigo e lo lascio acclimatare un paio d’ore (dipende molto da che temperatura avete in casa).
  7. Quindi inizio a stenderlo senza schiacciarlo troppo, ricavandone uno o due dischi: per dare la classica forma ai cornetti, tagliate il disco a fette come fate per una pizza.
  8. Ora scegliete il vostro ripieno: a me piacciono con la marmellata di lamponi, ma potete metterci nutella, pezzi di cioccolato fondente, creme varie, dipende da quel che vi piace.
  9. cornetti impasto
  10. Mettetene un po’ alla base della fetta (il lato più corto del triangolo isoscele, per intenderci), quindi iniziate ad arrotolare il cornetto su se stesso. Ho imparato a mie spese che più il triangolo è lungo, migliore sarà il vostro cornetto.
  11. Coprite i vostri cornetti con un panno umido e lasciate lievitare finché raddoppiano di volume: anche in questo caso, tutto dipende dalla temperatura che avete in casa. Io ho provato a lasciarli così una notte intera e infornare la mattina dopo e devo dire che erano buonissimi, ma potrebbero bastarvi anche solo 5-6 ore.
  12. Prima di infornare, accendete il forno a 200°: spennellate la superficie dei cornetti con un mix di tuorlo e latte per lucidarli, poi un pizzico di zucchero di canna e via in cottura.
  13. Non perdeteli di vista: io li cuocio nel ripiano più basso per i primi 15 minuti, poi gli ultimi 10 minuti sposto tutto più in alto e abbasso a 170°. Toglieteli quando saranno dorati, fateli raffreddare e buona colazione.

18 pensieri su “Cornetti con pasta madre solida: la ricetta che non mollerò più

    • Lili Madeleine ha detto:

      Io di solito li congelo e poi li scaldo la mattina stessa (oppure li tolgo dal freezer la sera prima di andare a dormire e poi la mattina li scaldo solo un po’)

  1. Elena ha detto:

    Ciao una domanda, se formo i cornetti la sera prima farciti con la marmellata e lascio riposare tutta la notte fuori dal frigo (10/12 ore ) la marmellata non va a male?

  2. Lara ha detto:

    Finalmente ho usato per la prima volta la mia pasta madre (fatta con le mie manine!) e sono diventati veramente squisiti. Lievitazione perfetta, farciti metà con marmellata di pesche e l’altra metà con la Nutella. Solo con la cottura mi dovrò regolare meglio, 18 minuti a 180° (forno ventilato) erano quasi troppo (fuori molto scuri, dentro mancava ancora qualche minuto). Ho aperto il forno, controllato, poi richiuso e lasciati dentro ancora 5 minuti. Dopodichè erano perfetti di cottura. La prossima volta metterò 160-170 gradi per 20 minuti e dovrebbero diventari bellissimi oltre che buoni. Come sempre: ogni forno è diverso! Anche per me questa ricetta la utilizzerò spesso.

    • Lili Madeleine ha detto:

      Lieta di averti dato una ricetta valida 🙂 In effetti il forno è una questione delicata, perché ognuno funziona a modo suo: la cosa migliore è provare e riprovare, considerando i tempi delle ricette più che dei suggerimenti che delle indicazioni definitive. Buona giornata

    • Lili Madeleine ha detto:

      Ciao, sì è possibile, anche se ti consiglio di congelarli già cotti, così ci metti meno dopo quando hai voglia di mangiarli

  3. maria ha detto:

    ciao,grazie per la ricetta,ma il lievito madre dove si trova? O tu intendi il lievito fresco a cubetti?

    • Lili Madeleine ha detto:

      Ciao Maria, con lievito madre intendo…il lievito madre (non quello fresco a cubetti). Non si trova al supermercato (lì puoi trovare il lievito madre disidratato, ma non l’ho mai usato e non saprei darti indicazioni), al contrario viene di solito regalato in forma liquida o solida e va rinfrescato ogni settimana: poi usi quello che ti serve e metti il resto in frigorifero, in modo da averne sempre a disposizione 🙂

  4. Andrea ha detto:

    Infornate stamattina e mangiate a colazione. Assolutamente deliziose. Anche a mio figlio di tre anni son piaciute!
    Grazie per la ricetta. Chiara in ogni passaggio e assolutamente perfetta. Mi sa che anche io non la lasceró piú!

    • Lili Madeleine ha detto:

      Grazie a te Andrea, sono contenta che la ricetta sia stata apprezzata: con la pasta madre ultimamente faccio molti esperimenti, ma non tutto viene al primo colpo. E quando succede…la ricetta in questione non la mollo più 😉

  5. lostindestination ha detto:

    Mi hai fatto venire l’acquolina… io ho il lievito madre in frigo. Il ‘capostipite’ ha 100 anni circa…
    Quando dici ‘pasta madre’ intendi il lievito? Scusa l’ignoranza ma sai, io sono molto brava a mangiare… sulla cucina devo ancora un attimo prendere appunti…

      • lorella ha detto:

        Ciao anche io voglio provare i cornetti la mia pasta madre è molto giovane ha solo 10 giorni che ne pensi potrebbe andare bene,perché il pane sono riuscita a farlo…..spero anche questi bellissimi cornetti ciao a presto!!!!

      • Lili Madeleine ha detto:

        La cosa migliore per saperlo…è provare! Fammi sapere se ti sono venuti 🙂

Rispondi