‘I piatti della mia vita’ è il nuovo libro di ricette di Allan Bay

Allan Bay libro

Penna nota del Corriere della Sera, Allan Bay ha dato alle stampe un nuovo libro: ‘I piatti della mia vita‘ (ed. Gribaudo). 

Glissando sulla copertina (non si può vedere…), Allan Bay è sicuramente uno dei critici gastronomici più noti d’Italia: condivide lo spazio sulle pagine del quotidiano di via Solferino con l’integerrimo Valerio M. Visintin, di cui nessuno conosce il volto perché gira in incognito.

Di Allan Bay avevo letto anni fa ‘La cena delle meraviglie’, pubblicato nel 2007 e scritto in collaborazione con Camilla Baresani, un altro nome noto del giornalismo gastronomico italiano: un libro non semplicemente bello, ma capace di elevare a un altro livello, di giocare su vette altissime per preparare, appunto, la cosiddetta cena perfetta.

Pubblicare un libro dall’inequivocabile titolo ‘I piatti della mia vita‘, è anche una questione di coraggio: ci si mette in gioco, rivelando molto di sé. Facile dire che piacciono le lasagne, chi mai sano di mente potrebbe non apprezzarle?, più difficile però svelare i propri gusti su altri fronti e snocciolare le ricette.

Amo tutti i piatti di eguale amore: se fatti bene, sia chiaro“, è la premessa di Bay. E fin qui tutti d’accordo, grande applauso.

Poi la sfida, la dichiarazione di coraggio: “Amo però in particolar modo i piatti della festa. Quelli ricchi, abbondanti e grassi che si mangiano quando si deve festeggiare qualcosa. Quando è giusto strafare un po’…un po’ tanto anche“. Standing ovation!

Perché in un periodo dove tutti sembrano concentrati sulla cucina sana, dietetica oppure sulle ricette da fare in meno di 15 minuti (con cui preparare una cena per 8 persone di 5 portate), c’è qualcuno che ci riporta alla cucina delle feste, ai tempi in cui la domenica era un giornata per cui valeva la pena spendere il tempo in cucina.

Così come il Natale, il compleanno e qualunque altra ricorrenza ritenuta importante. Occasioni per fare nuovi esperimenti, imparare nuove ricette, impegnarsi per cucinare qualcosa da portare su una tavola in festa.

Allan Bay nel libro racconta e spiega ricette tradizionali, come lo stoccafisso alla napoletana, la bagna càoda e, per chi vuole azzardare, l’anatra alla pechinese o la fejoada. Spazio anche alle sue ricette preferite dei grandi chef: le tagliatelle con rigaglie di Igles Corelli, la lepre alla royale di Mauro Uliassi, il pollo modernista di Daniel Facen, il fritto misto di Mariuccia Roggero.

E la cotoletta alla milanese, fatta come Allan Bay comanda.

Cerchi libri di argomento culinario? Leggi le altre recensioni del blog.

Autore: Oriana Davini

Rispondi